Mappa di Béni Mellal - Mappa del mondo interattiva con informazioni geografiche e statistiche per ogni area visualizzata.

Béni Mellal

Béni Mellal è una città del Marocco di 163.286 abitanti, capoluogo dell'omonima provincia e della regione del Tadla-Azilal.

Sorge a 625 m s.l.m. in un'oasi ai piedi del gebel Tassemit (2247 m), fra i rilievi del Medio Atlante e la pianura.

La città, di aspetto moderno, è rinomata per le arance, , e per le hanbel, grandi coperte di lana a tinte vivaci.

La kasba, eretta intorno al 1688 da Moulay Ismail, è stata più volte restaurata.

Di un certo interesse è anche il giro della fertile oasi, che lambisce la sorgente di Ain Asserdoun, intorno alla quale si estendono bellissimi giardini. Dalla sorgente una strada sale alla piccola kasba di Ras el-Ain, oggi in rovina, aperta su ariosi panorami.

Nei dintorni si trovano le cascate di Ouzoud e il lago artificiale di Bin el-Ouidane.

Per arrivare a Beni Mellal si possono utilizzare diversi percorsi. Dal punto di vista prettamente geografico la città si trova equidistante da Marrakech e Casablanca, e poco più lontana da Meknes, Fes e Rabat. Beni Mellal si trova lungo l'arteria centrale denominata N8 che si snoda parallela alla catena dell'Atlante, ai piedi del versante atlantico. I tempi di percorrenza da Marrakech e da Casablanca sono dell'ordine delle tre ore mentre ne occorrono circa quattro se si parte dalle altre 3 città imperiali.

Il clima di Beni Mellal consiglia di visitare la sua regione in primavera ed autunno. Questo per evitare che il caldo torrido renda problematica la permanenza durante le ore diurne, specie nel primo pomeriggio, ma anche per godere al meglio la visita alle cascate d'Ouzoud quando presentano ancora una portata d'acqua discreta. In primavera uno spettacolo aggiuntivo è dato dalla cornice lontana ma incombente delle cime della catena dell'Atlante, ancora ricoperte di neve. L'altro periodo migliore è l'autunno, magari appena l'arrivo delle piogge autunnali rinvigorisce la portata idrica delle Cascades d'Ouzoud.

La città fu fondata nel 1688 da Moulay Ismail con la costruzione di una fortezza. Gran parte dello sviluppo moderno è invece dovuto alla costruzione della diga che ha formato il lago di Bin el Oudiane, riserva d'acqua importante per lo sviluppo agricolo della città nonché preziosa risorsa turistica.
La città ha un impianto moderno, caratterizzato da una piazza centrale sede del mercato settimanale (martedì) e circondata dai souks oltre che dagli hotel e ristoranti. Forse l'unico edificio storico degno di una visita è la fortezza, e cioè la Kasbah Ait Asserdoune in posizione panoramica a sovrastare la città. Nelle vicinanze si trova anche la Zaouia Sidi Ahmed bel Kacem.

Sono comunque i dintorni di Beni Mellal a richiamare l'attenzione principale dei turisti. Tra questi spicca il grande lago di Bin el Ouidane, lo specchio d'acqua artificiale più vasto del Marocco, formato con una diga alta circa 150 m che funge anche da centrale idroelettrica. Ci sono numerosi sentieri che costeggiano il lago, e vengono organizzate escursioni in barca.

Le Cascades d'Ouzoud sono sicuramente il pezzo forte del territorio di Beni Mellal. Per raggiungerlo bisogna essere legati ad un tour organizzato oppure avere un mezzo proprio, ma il percorso a tratti tortuoso è reso particolarmente spettacolare dalle gole Oued el Abid. Le cascate si trovano non distanti da Azilal e si tratta davvero di un luogo incantevole: la caduta delle acque forma un salto di circa 100 metri, con una piscina naturale dove è possibile fare il bagno. Ci sono sentieri da percorrere, si possono visitare anche dei mulini ad acqua, ed esiste un campeggio per chi vuole fermarsi per la notte.

Mappa di Béni Mellal
Google Maps
1024 x 768 pixel
Mappa di Béni Mellal
Google Earth
1024 x 768 pixel
Mappa di Béni Mellal
Bing Maps
1024 x 768 pixel
Mappa di Béni Mellal
Nokia Maps
1024 x 768 pixel